Vittorio Mortarotti & Anush Hamzehian

L’ISOLA

in collaborazione con l’Università Ca’ Foscari di Venezia

 

Secondo la mappatura realizzata dall’Unesco nel 2010 per l’Atlas of the World’s Languages in Danger, sono 250 le lingue scomparse negli ultimi cinquant’anni e 3000 quelle attualmente in pericolo. Una lingua muore portando con sé una conoscenza precisa dell’ambiente che ha nominato per secoli. Insieme a una lingua spariscono per sempre una concezione e una visione del mondo.

 

Attraverso un’opera sonora (fruibile in piazza Martiri 7 luglio, tutti i weekend dalle 11 alle 13) e un’installazione audio-video multi-canale Anush Hamzehian e Vittorio Mortarotti presentano il loro progetto L’Isola, che intende raccogliere le ultime immagini, gli ultimi suoni e gli ultimi bagliori di una comunità che scompare.

 

Yonaguni è un piccolo pezzo di terra lontano da tutto e battuto dalle correnti più forti dell’Oceano Pacifico. Sull’isola vivono mille persone, poche delle quali ormai parlano ancora il dunan. Il dunan è una Severely Endangered Language, la sua sorte è insomma segnata, di qui a qualche decennio non esisterà più e sarà dimenticata. Insieme alla lingua è il mondo stesso di Yonaguni a dissolversi: presto non ci saranno più i riti funebri durante i quali i corpi vengono seppelliti in enormi tombe a forma di ventre materno e non ci saranno più leyuta, le sacerdotesse che comunicano con gli spiriti degli antenati.

Anush Hamzehian e Vittorio Mortarotti dedicano da sempre il loro lavoro alle marginalità geografiche e sociali. Nel corso degli ultimi anni hanno realizzato progetti in Bielorussia, Giappone, Armenia e Stati Uniti con rifugiati politici, ex minatori, prostitute, sopravvissuti dello tsunami e delle guerre balcaniche. Le loro installazioni video-fotografiche sono state esposte, tra gli altri, alla Blue project Foundation di Barcellona, al Casino Luxembourg, alla Galleria Alberto Peola di Torino e al Foto Forum di Bolzano. Per il progetto Eden hanno vinto il Leica Prize alla Biennale Images di Vevey e il premio Level Zero di Art Verona che li ha portati a esporre al MAXXI di Roma. La loro pratica prevede anche la pubblicazione di libri d’arte. Nel 2015 The First Day of Good Weather è stato tra i finalisti del The First Book Award di Londra mentre Most Were Silent è stato selezionato per il LUMA Rencontres d’Arles Dummy Award nel 2018.

Hamzehian e Mortarotti nel loro percorso artistico affiancano a libri e installazioni la realizzazione di film documentari. Nel 2016 il film L’Académiede la Folieè stato insignito dell’Étoile de la Scammentre nel 2018 è uscito il loro lungometraggio Monsieur Kubota, un documentario sulla ricerca dell’immortalità co-prodotto da France 2. Il duo lavora da anni al progetto sull’isola di Yonaguni che vedrà per il 2021 anche la pubblicazione del volume “L’Isola” e l’uscita di un film, prodotto da La Bête Production, dal titolo “Yonaguni”.

SABATO 19 GIUGNO > ore 15

Chiostri di San Pietro / Laboratorio Aperto Urbano

INCONTRI CON GLI ARTISTI

Vittorio Mortarotti, Anush Hamzehian, David Jimenez

Modera Walter Guadagnini

Sede

Chiostri di San Pietro
Via Emilia San Pietro, 44/c
Reggio Emilia

1

Orari

dal 22 maggio al 4 luglio
venerdì, sabato e domenica › 10-20

Aperture straordinarie
21 maggio › 16-20
2 giugno › 10-20

Categoria
Chiostri di San Pietro