Giornate inaugurali: fly me to the Moon

Iva Zanicchi, Mogol, Oliviero Toscani, Larry Fink, Dino Fumaretto, Iosonouncane e molto, molto altro… Fotografia Europea è pronta a decollare.

 

50 anni: tanti sono passati dal contatto più famoso, quello tra il piede di un uomo e il suolo lunare. Il gesto più lontano, il gesto più “visto”: una distanza di 384.400 km tenuta insieme dagli sguardi di miliardi di persone.
Perché anche le imprese più solitarie e i balzi più formidabili portano con sé desideri, attese, emozioni. Che spesso diventano immagine. Anche quando abbiamo i piedi ben ancorati a terra.
Il conto alla rovescia per l’inizio della “missione” Fotografia Europea 2019 è iniziato: i suoi scienziati sono curatori e artisti; i suoi obiettivi mostre, eventi, progetti; i suoi astronauti un pubblico attento, curioso, motivato. Pronto a scoprire e sperimentare i “nuovi mondi” del linguaggio, dell’arte, del vivere insieme.

Venerdì

L’atterraggio è previsto per le 18.00 del 12 aprile con l’inaugurazione ufficiale ai Chiostri di San Pietro dove, alle 19.00, insieme all’apertura delle mostre, si parte con il primo evento: Link, il Défilé della Danza, performance collettiva delle scuole di danza cittadine e del Liceo “M.Canossa” con le coreografie di Elena Rolla e le musiche originali di Marco Elia Righi.

La prima star di questa edizione sarà nientemeno che Iva Zanicchi: l’immortale interprete di Zingara, reggiana DOC, tiene a battesimo la mostra dedicata alla canzone italiana femminile degli anni ‘70 allo Spazio Gerra (ore 19.30).

Per il dopocena l’appuntamento è in piazza Prampolini a partire dalle ore 21: sarà il Collettivo Hypercivilizado ad iniziare, proiettandoci nell’immaginario pop del cinema e dell’arte. Seguiranno tre sensazioni della scena indie nazionale: IOSONOUNCANE che presenterà, in esclusiva per Fotografia Europea, S.  T.  O.  R.  M.  I., sonorizzazione di una fotografia di Silvia Cesari. Dopo di lui Dino Fumaretto con il suo nuovo album Coma. Chiude la serata La Rappresentante di Lista, il progetto queer-pop di Veronica Lucchesi e Dario Mangiaracina, per la tappa reggiana del tour di presentazione di Go Go Diva, loro nuovo album.

E la notte continua al Laboratorio Aperto Urbano dei Chiostri di San Pietro con gli audiovisuals di GLUQBAR, i live di Dumbo Gets Mad, 13Moons, il djset di Vietnik.

Sabato

© Daniele Cruciani CROMO Agency

Si comincia subito forte: lui è uno degli artisti più celebri, discussi e influenti degli ultimi quarant’anni. Si chiama Oliviero Toscani e le sue campagne pubblicitarie – a partire da quelle indimenticabili per il marchio Benetton – hanno scandito la vita milioni di persone. Nell’incontro dal provocatorio titolo Il fotografo e’ un autista. E Master of Photography è un Gran Premio (Chiostri di San Pietro, ore 11.00) incontrerà il direttore di Sky Arte Roberto Pisoni e il giornalista Nicolas Ballario: un dibattito sul ruolo della fotografia nell’era dello smartphone, ma anche sul progetto di dare vita a un “circuito” internazionale dove far competere le eccellenze del settore. Un tentativo che ha preso avvio proprio proprio grazie alla realizzazione di Master of Photography, talent andato in onda sul celebre canale satellitare.

La parola passa alle nuove generazioni con La giovane fotografia nei festival europei (Chiostri di San Domenico, ore 12.00) dibattito internazionale con Ilaria Campioli e Daniele De Luigi (Giovane Fotografia Italiana), Carine Dolek (Circulation(s). Festival de la jeune photographie européenne), Chiara Fabro (Festival Panoràmic, Grenollers – Barcellona) e Shoair Mavlian (Brighton Photo Festival).

Uno dei nomi di punta del giornalismo italiano, Mario Calabresi – scrittore, volto televisivo, ex direttore della Stampa e Repubblica – dialoga in Quando la parola s’innamora della fotografia con Michele Smargiassi, ideatore del celebre blog Fotocrazia (Chiostri di San Pietro, ore 17.00).

Alle 18.30, nell’ambito di [PARENTESI], lo spazio ai Chiostri di San Pietro dedicato all’editoria indipendente, il talk condotto da Chiara Capodici Continuità. Sodalizi creativi tra autori ed editori insieme a Paolo Ventura, Danilo Montanari, Vittorio Mortarotti e Milo Montelli. Si parlerà dei legami e delle relazioni che si instaurano, pubblicazione dopo pubblicazione, fra l’editore e l’artista.

La giornata si chiude con il “venerabile maestro” Larry Fink, uno dei fari della fotografia contemporanea. Al Teatro Cavallerizza (ore 21.00) presenta la sua mostra a Palazzo Da Mosto insieme al curatore Walter Guadagnini prima della proiezione dei suoi scatti accompagnati dalle musiche musiche di Alex Carpani, una dei protagonisti della scena prog internazionale che, insieme agli Aerostation, chiuderà questa indimenticabile serata.

Domenica

Alle 12.00 ai Chiostri di San Domenico si conosceranno i nomi dei vincitori della call Giovane Fotografia Italiana #07 assegnato dal GAI – Associazione per il circuito dei giovani artisti italiani, e scelti dalla giuria composta da Walter Guadagnini, Chiara Fabro e Carlo Sala.
Dopo Iva Zanicchi, lo spazio Gerra (ore 17.00) si inchina a un altro dei signori della canzone italiana: Giulio Rapetti in arte Mogol ragiona su Il cammino del pop insieme a Lorenzo Immovilli. E chi meglio di lui, capace, insieme al genio di Lucio Battisti, di scandire la vita di milioni di persone con motivi semplicemente… immortali.

Alle 18.30 (Chiostri di San Domenico) presentazione delle pubblicazioni indipendenti realizzate del fotografo e creativo Luca Massaro e dal duo greengreengrass nell’ambito di Fattore Creativo Book Up, la settimana della cultura svoltasi a Reggio Emilia lo scorso ottobre.

Chiusura sempre in San Domenico (ore 19.30) con la musica del REpercussio Ensemble degli allievi dell’Istituto Superiore di Studi Musicali di Reggio Emilia e Castelnovo ne’ Monti Achille Peri – Claudio Meruli.

 

Never ending story

Ma le Giornate Inaugurali sono anche:

  • letture portfolio (alla Biblioteca Panizzi, su iscrizione e in collaborazione con Cortona On The Move);
  • workshop: ad esempio, con il grande Antoine D’Agata (Spazio Fotografia San Zenone) e con l’associazione La Jetèe (Palazzo Magnani); Nuovi mondi, la visita guidata dedicata ai bambini (Chiostri di San Pietro, Sotterranei del Teatro Valli e Sinagoga);
  • la performance Inter-View: Emanuele e Clément, promossa da Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto;
  • [PARENTESI], lo spazio ai Chiostri di San Pietro dedicato all’editoria indipendente con Cesura Publush, Danilo Montanari Editore, Départ Pour L’Image, Leporello – photobooks, Skinnerboox, e una serie di incontri con gli autori Alessandrà Calò, Vittorio Mortarotti, Anush Hamzehian, Luca Santese, Marco P. Valli, Pixy Liao, Paolo Ventura, Danilo Montanari, Milo Montelli, Jacopo Benassi, Valentina Neri, Piero Percoco, Silvia Camporesi;

 

E poi il viaggio continua nelle settimane successive con incontri, visite guidate e tante, tante mostre… fino al gran evento di piazza Prampolini del 9 giugno: arrivano gli “Alieni” con l’Orchestra da Camera Adagio e Furioso e la partecipazione della band psichedelica reggiana Julie’s Haircut.

Perchè l’universo della conoscenza è infinito. Così come il propellente che lo alimenta: legami, intimità, relazioni….

 

 

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sui post, le ultime novità e le anticipazioni del festival!  Iscriviti

ULTIME DAL BLOG
Nessun commento

Invia un commento