4 domande a…Alessandro Trapezio

“Cambiare. Fotografia e responsabilità”. Quale è stata la tua personale interpretazione del tema dell’edizione 2013?

Ho presentato un progetto che abbiamo chiamato, io e il curatore Antonio Grulli,  “I costruttori”. Sono ritratti di artisti contemporanei, di queste ultime generazioni, che hanno portato un significativo cambiamento nella scena dell’ arte. Credo che l’arte, e la fotografia come mezzo per l’arte, abbia ancora un ruolo importante nella nostra società e gli artisti hanno grandi responsabilità e devono sapere comunicare anticipatamente i cambiamenti che stanno per avvenire nella società. La mia mostra, è una mostra “da asporto”, nel senso che le opere che troverete esposte potranno essere utilizzate e portate via; volevo che ci fosse anche dell’ inconsapevolezza da parte dello spettatore di trovarsi ad una mostra fotografica.

Quando e come è nata la tua passione per la fotografia e che ruolo ha nella tua vita?

La mia passione per la fotografia è nata dalle riviste: sfogliare ed assimilare per immagini fotografiche è sempre stato il mio passatempo preferito fin da piccolo. Ora è il mio lavoro ma è anche un innato stile di vita, perché continuo a comunicare ed assimilare informazioni solo attraverso le immagini, come da piccolo. Quando voglio davvero divertirmi lascio ogni cosa che faccia foto a casa, altrimenti non riesco a non volere fare foto e perdo attenzione sul tutto il resto. Quindi direi che ha un ruolo fatale.

Come descriveresti il tuo modo di fotografare, il tuo stile fotografico?

Non so. Cambia. Per ogni storia c’è un modo per raccontarla. Poi, ovviamente, c’è sempre qualcosa di me. Anch’io cambio. L’ importante è che tra me è quello che fotografo ci sia una storia. Intensa o di sfuggita, ma una relazione ci deve essere.

Raccontaci il tuo progetto in 5 parole.

Arte, non ripetibile, pop, ritratti, zucchero.

I costruttori @ Pasticceria Torinese, Il Bar della Libreria all’ Arco, Pasticceria Ligabue

3 maggio – 5 maggio 2013 e fino ad esaurimento scorte

inaugurazione 3 maggio, ore 19