Michi Suzuki

Michi Suzuki, Sasha (from series Italians), Milano 2009 Courtesy e © Michi Suzuki

Italians

mostra a cura di Elio Grazioli

Sede e orari

Chiostri di San Pietro
via Emilia San Pietro, 44/c
42121 Reggio Emilia

venerdì 11 maggio aperto dalle 18.00 alle 24.00; sabato 12 e domenica 13 maggio dalle 10.00 alle 24.00; dal 17 maggio al 24 giugno aperto giovedì e venerdì dalle 19.00 alle 23.00; sabato, domenica e festivi dalle 10.00 alle 23.00; chiuso lunedì, martedì e mercoledì

Mappa

Nel 2011 l’Italia ha celebrato 150 anni dell’Unità. Il 17 marzo, la data ufficiale dell’anniversario, sono stati organizzati numerosi eventi e chiunque ha partecipato alle manifestazione, inclusi gli stranieri, ha dimostrato l’orgoglio di far parte di questa nazione. Quel giorno ho condiviso anch’io la gioia, probabilmente perché, dopo quasi 16 anni dal mio trasferimento in Italia da Tokyo, mi sento  “metà” italiana in qualche modo.

Dal principio ho deciso di lavorare sull’identità italiana, soprattutto dopo aver letto per l’ennesima volta un articolo su un giornale che parlava della discriminazione razziale. Ho sentito la necessità di illustrare la società contemporanea e futura fotografando volti italiani, di persone nate però dall’unione tra un italiano e una persona straniera, per partecipare, con l’occhio da fotografo, alla lotta contro il pregiudizio che persiste nel Paese.

Lavorando sul progetto ho realizzato che, in verità, il percorso che ho fatto per cercare l’identità italiana si sovrapponeva alla ricerca della mia stessa identità di giapponese puro sangue ma con lo spirito italiano acquisito nel corso degli anni.

[nggallery id=13]

BIOGRAFIA

Michi Suzuki nasce a Tokyo nel 1971. Dopo essersi laureata in letteratura nordamericana in Giappone, si trasferisce a Firenze nel 1994 dove frequenta il corso triennale di fotografia presso La Fondazione Studio Marangoni. Durante gli anni scolastici partecipa alla Biennale dei giovani artisti a Roma e alla Triennale Internazionale della Fotografia a Tampere in Finlandia, nonché ad altre manifestazioni legate alla fotografia a livello nazionale e internazionale. I suoi lavori sono esposti in Italia, Giappone, Finlandia e Francia.
Freelance dal 2000, membro dell’agenzia Grazia Neri dal 2006 al 2010, ha lavorato principalmente per il settore editoriale collaborando con testate nazionali ed internazionali con una particolare attenzione per l’attualità e i ritratti. La sua ricerca artistica, negli ultimi anni, si è focalizzata sull’evoluzione delle identità e sul confronto culturale e sociale con realtà apparentemente lontane, ma riconducibili alla propria esperienza personale.
Attualmente vive e lavora a Milano.