Mediterranea Youth photo: meet the artists

Venerdì 14 ottobre ore 18_Spazio Gerra
Federica Landi, Emeric Lhuisset, Ana Catarina Pinho.
Conduce Daniele De Luigi



Federica Landi, Emeric Lhuisset e Ana Catarina Pinho sono i tre fotografi selezionati nell’ambito del progetto internazionale di residenza Mediterranea Youth Photo, chiamati a confrontarsi e a lavorare intorno a un progetto comune sul tema della casa e dell’abitare.

logo_mypMediterranea Youth Photo è un progetto speciale promosso dal Comune di Reggio Emilia nell’ambito di Fotografia Europea, che vede coinvolti Spazio Gerra e i festival Circulation(s) di Parigi e Encontros da Imagem di Braga. Oltre al Comune e ai due festival stranieri, il progetto è promosso dal GAI – Giovani artisti italiani e dalla BJCEM – Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo, che ha chiamato questi tre fotografi a sviluppare il tema della casa e dell’abitare.

Federica Landi, Emeric Lhuisset e Ana Catarina Pinho viaggeranno tra le città di Reggio Emilia, Parigi e Braga, e il risultato di queste tre brevi residenze approderà alla 18° edizione della Biennale di Tirana. I lavori saranno poi ospitati dal festival Circulation(s), da Encontros da Imagem, e da Spazio Gerra nell’ambito di Fotografia Europea 2018.
Durante la loro residenza in città, dal 12 al 18 ottobre, i tre fotografi saranno accompagnati alla conoscenza del sistema di accoglienza dei richiedenti asilo e rifugiati adottato da Reggio Emilia. Avranno la possibilità di confrontarsi con le istituzioni e con alcuni ragazzi accolti in città rispetto al loro viaggio, all’arrivo in Italia e alle aspettative future.

 

Federica Landi, artista riminese, è stata selezionata all’interno di Giovane Fotografia Italiana e ha partecipato all’ultima edizione di Fotografia Europea con Spectrum, un lavoro che si interroga sulla rappresentazione della realtà e sui filtri attraverso cui la guardiamo; Emeric Lhuisset, fotografo parigino che si occupa da anni della rappresentazione dei conflitti, lavora con un tipo di fotografia che lui stesso intende come “trascrizione plastica di analisi geopolitiche”; Ana Catarina Pinho è una fotografa portoghese che utilizza fotografia e video per indagare le nozioni di territorio, paesaggio e spazio.

Venerdì i tre fotografi racconteranno in anteprima le linee su cui sta prendendo corpo il loro lavoro intorno al Mediterraneo di oggi e si interrogheranno sul reale e sulla sua rappresentazione a partire dal proprio curriculum di lavori. A condurre l’incontro è Danlele De Luigi, critico e curatore, che insieme a Carine Dolek e ad Angela Ferreira fa parte del team di curatori che accompagnerà il progetto in tutte le sue tappe.

Ti è piaciuto questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato sui post, le ultime novità e le anticipazioni del festival!  Iscriviti

ULTIME DAL BLOG
Nessun commento

Invia un commento